Cinque consigli per la sicurezza digitale

sicurezza digitaleQuanto è sicuro il web e come proteggersi dagli hacker? Sottovalutare il rischio si traduce spesso in truffe digitali difficili da gestire e risolvere. Meglio prevenire, allora.

Basta seguire alcuni consigli per evitare di “aprire le porte” ai malintenzionati.

  1. GEOLOCALIZZAZIONE. Un errore, molto sottovalutato, è l’utilizzo della geolocalizzazione. Perché far sapere i nostri spostamenti? Soprattutto nel caso di applicazioni che richiedono l’attivazione della geolocalizzazione e che senza rendercene conto accettiamo, è bene invece farci caso. Molte tecniche di spionaggio, sfruttano proprio la “posizione attuale”.
  2. AGGIORNAMENTO DEL DISPOSITIVO. Eseguire periodicamente l’aggiornamento del dispositivo significa mettersi in guardia dai tentativi degli hacker di accedere ai dati sensibili. Gli aggiornamenti, infatti, servono proprio a correggere gli errori che servono agli hacker per penetrare nel sistema.
  3. PULIZIA DEL DISPOSITIVO. Buona norma è quella di eseguire costantemente un back up del telefono salvando i file in un disco esterno o sul pc. Se con i social la privacy è sotto attacco per nostra scelta, possiamo però evitare di lasciare a disposizione informazioni o immagini personali che non vogliamo condividere.
  4. LE PASSWORD. È importante creare delle password sicure, ma soprattutto è consigliato cambiarle periodicamente. È tipico: capita di utilizzare la stessa password per social, posta elettronica, carte per acquisti online, etc. Il sogno di ogni hacker: scoperta la prima parola chiave, è tutto in discesa.
  5. DATI SENSIBILI. Le password non sono l’unico dato personale che lasciamo scorrere indisturbato tra un sito e l’altro. Nome, cognome, indirizzo della propria abitazione e altri dati sensibili come l’IBAN, rischiano di diventare letteralmente di dominio pubblico. Per questo è buona abitudine ripulire periodicamente la cache o, più semplicemente, valutare bene a quale spazio digitale vengono rilasciate le informazioni.

La sicurezza digitale è ormai un tema attuale e di grande importanza. Per questo, in caso di dubbi, è bene sapere dell’esistenza di uno strumento come la bonifica informatica effettuata da Securpol Italia. Un servizio che serve rileva l’eventuale presenza di Keylogger, spyware e di altre minacce che consentono la lettura di posta elettronica e l’intrusione nello stesso dispositivo da remoto. 

Tags: