Anziani in casa: come tutelare la loro sicurezza?

 

sicurezza anzianiIncidenti, furti, intrusioni: i nostri cari anziani sono sempre più spesso vittime di malviventi.

Chi ha genitori o nonni anziani sa già quanto è facile introdursi nelle loro case fingendosi operatori pubblici o telefonici, e permettendo così di carpire dati sensibili o di renderli vittime di veri e propri furti.

Proteggere i nostri cari è importante anche quando non possiamo essere lì presenti con loro.

Come proteggere gli anziani in casa?

Sicuramente è importante parlare con loro e convincerli ad adottare sistemi di sicurezza casalinghi che possano renderli sicuri.

Uno di questi è, ad esempio, il videocitofono. Le persone della terza età hanno spesso difficoltà d’udito e non sentono bene chi risponde dall’altra parte; con il videocitofono possono invece vedere chi è, e non aprire se non conoscono la persona che visualizzano a video.

Altrettanto importante è, se non prevenire, rendere più difficile la vita dei ladri con porte blindate, inferriate alle finestre, sistemi di allarme in casa. Specialmente per chi vive in campagna o fuori città, il rischio dei furti nelle case degli over 65 è davvero molto alto.

Per questo genere di ristrutturazioni esistono anche vantaggi fiscali non indifferenti che permettono di mettere in sicurezza la propria casa senza spendere troppi soldi.

Riguardo alla sicurezza fisica, sarebbero sicuramente da evitare barriere architettoniche quali scale, muretti, sedute antiscivolo all’interno della doccia, corrimano e maniglioni.

Se un anziano vive da solo in casa, e i parenti non hanno la possibilità di andarlo a trovare ogni giorno, la telecamera di sicurezza diventa un ausilio fondamentale per controllare il suo stato.

La telecamera agisce come un rilevatore di caduta e permette di controllare che stia bene anche attraverso il proprio smartphone.

Esistono anche dispositivi portatili di sicurezza, da appendere al collo come collane, con un solo pulsante che permette di chiedere aiuto e di ottenerlo tempestivamente.

Funziona così il servizio di telesoccorso di Securpol Italia, un metodo innovativo che attraverso un dispositivo rivela lo stato di salute dell’anziano e manda un segnale in caso di malore o svenimento. La centrale operativa che riceve il segnale valuta la situazione e manda subito un’ambulanza.[/vc_column_text]

Tags: